Nuovo ceppo di Covid: facciamo chiarezza

Nuovo ceppo di Covid: facciamo chiarezza

Il vaccino sarà efficace anche contro la nuova variante di Covid individuata in Uk?

Una delle certezze che abbiamo dei virus è che essi mutano continuamente: a volte si estinguono, a volte si diffondono senza alterare il proprio comportamento e, raramente, provocano cambiamenti drammatici.

La variante VUI-202012/01 del Covid è più aggressiva?

La domanda che ora devono affrontare gli scienziati è semplice: la variante VUI-202012/01 rientra in quest’ultima categoria? C’è un maggiore rischio per la salute? O la sua recente rapida diffusione nell’Inghilterra meridionale si è verificata perché le persone stanno ignorando le restrizioni anti-Covid?

Chris Whitty, ufficiale medico capo del governo inglese, ha tentato di dare una risposta.

Come risultato della rapida diffusione della nuova variante, dei dati preliminari di modellazione e dei tassi di incidenza in rapido aumento nel sud-est dell’Inghilterra, il New and Emerging Respiratory Virus Threats Advisory Group (Nervtag) ritiene ora che il nuovo ceppo può diffondersi più rapidamente. Abbiamo allertato l’Organizzazione mondiale della sanità e stiamo continuando ad analizzare i dati disponibili per migliorare la nostra comprensione”.

Com’è mutato il Covid-19?

L’aspetto della nuova variante è allarmante, anche se va sottolineato che ci sono state diverse mutazioni precedenti di Covid-19.  

Il mese scorso, ad esempio, il governo danese ha abbattuto milioni di visoni dopo che è emerso che centinaia di casi di Covid-19 erano associati a varianti di Sars-CoV-2 trasportate da visoni d’allevamento. Lo scorso ottobre, le ricerche hanno suggerito che una variante del coronavirus che si è manifestata tra i lavoratori agricoli spagnoli si è diffusa rapidamente in Europa e ha rappresentato la maggior parte dei casi nel Regno Unito.

Ciò che gli scienziati devono ora affrontare sono le preoccupazioni sull’impatto della nuova variante VUI-202012/01, in particolare se porterà a un aumento dei casi di malattia Covid grave o si tradurrà effettivamente in un minor numero di casi. L’altro grande problema è se la nuova variante sarà in grado di aggirare la protezione offerta dai vaccini Covid-19.

Ma Ewan Birney, vicedirettore generale dell’European Molecular Biology Laboratory e direttore congiunto dell’European Bioinformatics Institute di Cambridge, è ottimista: “Se la nuova variante avesse avuto un grande impatto sulla gravità della malattia, lo avremmo già visto“, ha affermato. Infine, secondo Birney, ci sono tutte le ragioni per pensare che i vaccini funzioneranno ancora contro questo nuovo ceppo, anche se sono necessarie ulteriori valutazioni.

Fonte: The Guardian

Leggi anche:
USA: ricchi disposti a pagare cifre stratosferiche per ricevere il vaccino in anticipo
Covid-19, anche l’Italia chiude i suoi allevamenti di visoni
Covid-19, virus in un bimbo a Milano nel novembre 2019

Maria Grazia Cantalupo

Maria Grazia Cantalupo

Social Media Manager di People For Planet

Potrebbe interessarti anche

Maria Grazia Cantalupo

Maria Grazia Cantalupo

Social Media Manager di People For Planet

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy