Obesità, le prese in giro per i chili di troppo fanno ingrassare

Quelli che vengono ridicolizzati per i chili di troppo hanno aumentato il loro indice di massa corporea del 33% in più ogni anno

Essere presi in giro per il proprio peso, tra i ragazzi, non fa proprio bene. Infatti, quelli che vengono ridicolizzati per i chili di troppo hanno aumentato il loro indice di massa corporea del 33% in più ogni anno, rispetto ad un gruppo con le stesse caratteristiche che, invece, non ha ricevuto alcun sfottò. È il risultato di un lavoro del National Institutes of Health che sfata il luogo comune secondo il quale la presa in giro possa motivare i giovani a cambiare il loro comportamento alimentare per arrivare, così, a perdere peso. Lo studio ha coinvolto 110 giovani in sovrappeso con un’età media di 11,8 anni al momento dell’avvio dell’analisi. I ricercatori si sono basati su un questionario di sei domande che riguardava l’atteggiamento che gli altri avevano nei confronti dei giovani con i chili di troppo. Nel corso del lavoro durato 15 anni, hanno scoperto che i giovani che subivano molti sfottò guadagnavano in media 0,20 kg/m2 all’anno in più rispetto a quelli che non avevano le prese in giro. Gli autori teorizzano che lo stigma associato al peso potrebbe aver reso i giovani più propensi a intraprendere comportamenti non salutari come il binge eating, cioè le abbuffate compulsive. Un’altra possibile spiegazione data dai ricercatori è che lo stress derivato potrebbe stimolare il rilascio dell’ormone cortisolo, che può portare a un aumento di peso. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Pediatric Obesity.

FONTE: CORRIEREADRIATICO.IT

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Redazione centrale: Gabriella Canova, Simone Canova caporedattore centrale, Miriam Cesta settore Persona, Maria Cristina Dalbosco settore Società, Michela Dell’Amico settore Green

Potrebbe interessarti anche

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Redazione centrale: Gabriella Canova, Simone Canova caporedattore centrale, Miriam Cesta settore Persona, Maria Cristina Dalbosco settore Società, Michela Dell’Amico settore Green

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy