Perché si festeggia l’1 maggio? Ecco la storia e le sue contraddizioni in Italia

Storia, diritti & discriminazioni fino alla polemica sul concerto di Roma

Oggi, 1° maggio 2019, in Italia e in molti altri Paesi del  mondo festeggiamo la festa di tutti i lavoratori ricordando le lotte dei movimenti sindacali e gli obiettivi sia sociali che economici raggiunti dopo lunghe battaglie, spesso anche violente.

Ma è oggi ancora credibile festeggiare questa ricorrenza in un’Italia in cui la cronaca quotidiana non manca di riportare episodi dove i lavoratori subiscono continue umiliazioni da parte di istituzioni sorde (il caso del caporalato, dal Nord al Sud Italia, è esemplare) e dove diritti e dignità vengono letteralmente calpestati? Emergenza della sicurezza sul lavoro e parità di diritti è argomento primario anche oggi se consideriamo le continue discriminazioni sul posto di lavoro e l’alto tasso di disoccupazione con cui il Bel Paese si trova a fare i conti. Di seguito un panorama sulla festa nazionale Italiana che ne ripercorre le origini, approfondendo con una visione odierna della situazione lavorativa e concludendosi con un accenno all’attualissima polemica sull’appuntamento del concerto a Roma che vede 4 sole donne coinvolte sui 77 artisti chiamati per l’occasione.

Cosa si dice in Italia? Approfondiamo:

Primo maggio, perché si celebra la Festa dei lavoratori. La ‘Festa dei lavoratori‘, in ricordo della battaglia condotta dalla classe operaia per ottenere diritti e condizioni di lavoro migliori, non si celebra solo in Italia. La storia del primo maggio, in particolare, parte dalle coste australiane. ‘Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire‘: con questo slogan, coniato in Australia nel 1855, e condiviso da gran parte del movimento sindacale organizzato del primo Novecento si aprì, infatti, la strada a rivendicazioni generali e alla ricerca di un giorno, il primo maggio, in cui tutti i lavoratori potessero incontrarsi per esercitare una forma di lotta e per affermare la propria autonomia e indipendenza.

Primo maggio, la storia della Festa dei lavoratori

La prima proposta concreta arrivò dal congresso dell’Associazione internazionale dei lavoratori, la Prima Internazionale, riunito a Ginevra. Era il settembre del 1866: “Otto ore come limite legale dell’attività lavorativa”. A sviluppare un grande movimento di lotta sulla questione delle otto ore furono soprattutto le organizzazioni dei lavoratori statunitensi. Continua a leggere…

Fonte: TODAY.IT  

Diritti dei lavoratori in Italia: un primo maggio per capire a che punto siamo.Discriminazione legata al genere e all’età. Differenze retributive. E ancora: precariato, problemi in tema di sicurezza e aumento delle morti sul lavoro. Oggi, in vista della Festa del Lavoro, Osservatorio Diritti scatta una fotografia della situazione dei diritti dei lavoratori in Italia.

Una data importante che si festeggia ogni anno e che ricorda quello che la nostra Costituzione dice all’articolo 1: l’Italia è una repubblica fondata sul lavoro. Il Primo maggio, la festa del lavoro e dei lavoratori, sarà celebrata con il consueto concerto a Roma e con tante manifestazioni sindacali in tutto il Paese. Ma come è messa l’Italia quanto a tutela dei diritti dei lavoratori?

Diritti dei lavoratori: donne discriminate sul lavoro

Ci sono tre parole inglesi che sintetizzano alla perfezione la discriminazione che le donnevivono: il gender gap. Che in italiano possiamo tradurre con differenze di genere, molto più diffuse di quanto si creda. Continua a leggere…

Fonte: OSSERVATORIODIRITTI.IT –  Cristina Maccarrone

Concerto primo maggio a Roma, sul palco solo 4 donne: il controevento al femminile. E gli organizzatori replicano con una foto.  Oltre settanta artisti in scaletta, ma solo quattro donne. Il Concertone del primo maggio a Roma (qui la scaletta), mai come quest’anno è povero di nomi femminili. Accanto ai grandi come Daniele Silvestri, Manuel Agnelli o l’internazionale Noel Gallagher, ci saranno poche artiste e nessuna di queste salirà sul palco da solista. Naturalmente esclusa la presentatrice Ambra Angiolini. Le poche che rappresenteranno il genere lo faranno come membro di un gruppo, come le sorelle Lucchesi della band La Rappresentante di Lista, o Francesca del duo Coma_Cose.

L’assenza di nomi femminili sul cartellone non è passata inosservata, tanto da scatenare numerose polemiche. Si sono sollevati i gruppi femministi, tra cui le attiviste di Se non ora quando, ma anche numerose cantanti che, escluse dal Concertone, hanno dato vita a un controconcerto al femminile. Oltre venti le artiste che hanno messo nero su bianco il loro nome per sostenere l’evento “May così tante”, che si terrà a partire dalle 19 al locale romano Angelo Mai, organizzato dalla pupilla di Lucio Dalla, Angela Baraldi, e dalla cantautrice romana, Diana Tejera. In scaletta tra le altre ci saranno: Maria Pia De Vito, Andrea Mirò, Mimosa Campironi, Nathalie ed Eleonora Bordonaro. Continua a leggere…

Fonte: ILFATTOQUOTIDIANO.IT – Martina Milone

Claudia Faverio

Claudia Faverio

Appassionata di ambiente e dei diritti umani da sempre. Fa parte della redazione dove segue l'attualità quotidiana e il meglio del web. Si occupa anche dei rapporti con siti, blog, enti e imprese per la comunicazione di e su People For Planet.

Claudia Faverio

Claudia Faverio

Appassionata di ambiente e dei diritti umani da sempre. Fa parte della redazione dove segue l'attualità quotidiana e il meglio del web. Si occupa anche dei rapporti con siti, blog, enti e imprese per la comunicazione di e su People For Planet.