Perché sono andato in Parlamento a incontrare deputati e senatori

La politica dei piccoli passi può cambiare l’Italia

La mia idea è che le cose migliorano se le persone si parlano e se le idee più concrete circolano. Per questo da anni collaboriamo con tutti quelli che hanno voglia di progresso a prescindere dalle appartenenze politiche. Sembrerà strano ma anche in un momento di polemiche furiose tra i progressisti stiamo riuscendo, come in passato, a creare momenti di dialogo che mettono assieme ambiti di collaborazione che paiono impossibili: ad esempio hanno aderito alla nostra proposta “3 Leggi Facili” militanti e parlamentari di M5S, Pd e Leu (impossibile ma vero, siamo un contingente pacifista di interposizione!!!)

Da 20 anni giriamo i comuni di tutti i colori proponendo forme di risparmio energetico. A Padova con l’allora Sindaco Zanonato del Pd, abbiamo tagliato 1 milione e mezzo di euro all’anno sostituendo illuminazione pubblica e riscaldamenti, era il 2007, 9 anni prima che le lampadine dei lampioni venissero sostituite a Milano, Roma, Torino e Firenze. Pensate se questo progetto, realizzato dall’ingegner Maurizio Fauri, fosse stato adottato subito dopo il successo di Padova… Si sarebbero risparmiati centinaia di milioni all’anno! Ma allora la politica aveva altro da pensare…

In questi anni abbiamo lavorato per il risparmio energetico di una quarantina di altri piccoli comuni amministrati da Pd, Si, M5S e perfino con ex comunisti passati alla Lega. Un lavoro lento, ancor oggi dopo 11 anni che abbiamo dimostrato cosa si potesse fare ci sono migliaia di comuni che continuano a buttare i soldi dalla finestra con le vecchie, antiche, lampadine…

Al Senato ho avuto due incontri molto importanti: uno con i parlamentari M5S delle Commissioni Sanità di Camera e Senato, per portare la nostra proposta di legge sui farmaci sfusi (ne parlo nell’articolo che verrà pubblicato domani). Questo intervento è stato possibile grazie alla senatrice Mariolina Castellone che si è dimostrata tra le prime persone aperte al dialogo.

L’altro incontro è stato con il senatore Gianni Pietro Girotto, che da anni partecipa come relatore anche al nostro Festival Ecofuturo e grazie al quale in passato abbiamo organizzato incontri con senatori e deputati del M5S, Pd, Sinistra Italiana, e che ora è diventato Presidente della Commissione Commercio, Industria, Turismo. L’obiettivo dell’incontro è stato presentare un’idea semplice per rilanciare l’appoggio alle startup innovative.

Dando vita a People for Planet abbiamo promesso di raccontarti non solo quel che è successo ma anche che cosa stiamo facendo succedere.

Una dichiarazione altisonante.

E anche una proposta che speriamo coinvolga sempre più persone.

Quel che proponiamo è un modo diverso di impegnarsi per migliorare la situazione italiana.

Da quando mia madre era al Senato (2007) abbiamo lavorato per individuare leggi facili e utili che fosse realmente possibile far approvare in tempi rapidi.

La situazione è difficile, l’Italia è spaccata in 3 fazioni politiche, è inutile cercare di ottenere riforme epocali, nessuno ha in parlamento la forza di farle approvare. È invece possibile vincere piccole battaglie che a volte possono portare a grandi risultati e magari dare forza e fiducia a chi lotta per il progresso.

È la strategia dei piccoli passi, la strategia dello Shangai, il gioco nel quale devi spostare per prime le bacchette più facili da muovere (ho scoperto che questo gioco si chiama anche Mikado, nome giapponese).

La battaglia per ottenere la limitazione dei vitalizi è di certo importante per il principio etico che contiene ma in termini di risultati di denaro sono al massimo 150 milioni di euro risparmiati. La nostra proposta di adottare la vendita dei farmaci nella quantità esatta prescritta dal medico porterebbe, secondo le stime più prudenti, a un risparmio di 500 milioni di euro. In Germania, Usa, Francia e Spagna già lo fanno, perché non dovremmo imitarli?

Un’altra proposta è istituire un’Autorità che vigili in via preventiva sui contratti “di massa” (telefonia, banche, assicurazioni, gas e luce eccetera), eviterebbe 300 mila cause civili e darebbe garanzie ai cittadini che firmano  questi contratti pieni di clausole imposte dalle compagnie. Anche qui un risparmio superiore a quello ottenuto con i vitalizi.

Nella lotta alle ludopatie abbiamo già ottenuto un successo perché, grazie alla campagna che da tempo sosteniamo in molti, il “Decreto Dignità” (già approvato e ora in fase di conversione) contiene finalmente il divieto della pubblicità per il gioco d’azzardo…

In questo momento stiamo cercando idee per altre proposte da portare avanti e stiamo cercando in ogni direzione alleati.

Per questo stiamo prendendo contatti con esponenti di varie forze politiche e progettiamo una serie di convegni tematici con i parlamentari. Parlare, spiegare, far conoscere, un modo per fare lobbying trasparente.

INDICE INCHIESTA SANITA’

Apriamo il dibattito sull’effetto positivo dell’uso dei placebo sui conti e la salute

Sanità: come tagliare i costi coinvolgendo gli studenti in campagne di informazione sanitaria

Perché sono andato in Parlamento a incontrare deputati e senatori

 

Jacopo Fo

Jacopo Fo

Scrittore, teatrante, regista, disegnatore, è Direttore creativo di People For Planet.

commenta

Jacopo Fo

Jacopo Fo

Scrittore, teatrante, regista, disegnatore, è Direttore creativo di People For Planet.