Produzione agricola: cresce il valore, ma crescono anche i prezzi

I dati Eurostat su agricoltura e allevamento

A fine anno si tirano le somme dei valori delle produzioni agricole. Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione Europea, ha reso noti i valori delle produzioni nel settore primario relativi al 2017.

I dati in Europa 

Il valore della produzione agricola totale dell’Ue è stato di 432,6 miliardi di euro, con un aumento del 6,2% rispetto al 2016.

Eurostat spiega che l’aumento di valore viene generato da un aumento del volume di produzione o da un aumento dei prezzi, oppure da una combinazione di questi due elementi. La crescita del valore della produzione del 2017 rispetto al 2016 è da attribuirsi, secondo l’ufficio statistico UE, soprattutto al fatto che sono aumentati i prezzi e non il volume della produzione totale. A creare l’aumento del 6,2% infatti concorre soprattutto la produzione animale (+10,3%), che a sua volta riflette un aumento dei prezzi anch’esso del 10,3%.
Anche il valore della produzione dei raccolti è aumentato in tutta l’Unione Europea, con una crescita di volume del 1,7% è una crescita dei prezzi e del 1,9%.

La crescita di valore nei vari Paesi

La Francia si è confermata anche nel 2017 il maggior produttore agricolo nell’Unione Europea, con un valore di 72,6 miliardi di euro (pari al 17% del totale UE). Seconda la Germania (56,2 miliardi), mentre l’Italia mantiene la sua terza posizione (55,1 miliardi), prima della Spagna (50,6 miliardi). Seguono Regno Unito (31,8 miliardi), Paesi Bassi (28,9 miliardi), Polonia (24,9 miliardi) e Romania (17,5 miliardi).

In quasi tutti gli Stati membri dell’UE il valore della produzione agricola nel 2017 è aumentato. Tra i primi quattro maggiori produttori agricoli europei, a registrare la maggior crescita è stata la Germania, (+8,6%) a seguire la Spagna  (+4,5%), la Francia (+3,2%) e in ultimo l’Italia (+2,2%). Una crescita di valore decisamente contenuta, con il fattore dell’aumento di prezzo da tenere ben presente. Come ha ribadito anche nelle analisi di maggio il nostro Istituto di Statistica, l’Istat, la produzione del 2017 aveva infatti subito un netto crollo, dovuto alle difficili condizioni climatiche.

Attendiamo i valori per il 2018, incrociando le dita, viste le ondate di calore dell’estate scorsa e il maltempo autunnale.

In questa gallery di fotomontaggi realizzati da Armando Tondo alcuni esempi di design in agricoltura, di orti urbani e mobili

Commenta con Facebook
Margherita Aina

Margherita Aina

Giornalista, ha lavorato in radio e in televisione, scrive e si occupa di comunicazione, senza dimenticare le sue radici nelle risaie novaresi

commenta

Margherita Aina

Margherita Aina

Giornalista, ha lavorato in radio e in televisione, scrive e si occupa di comunicazione, senza dimenticare le sue radici nelle risaie novaresi