sintomi della disidratazione, quando e quanto bere in estate

Questi 5 sintomi indicano che devi bere subito dell’acqua

Come rendersi conto di essere (o non essere) idratati?

Che restare idratati sia un aspetto importante per il benessere psico-fisico è ormai più che risaputo. Quel che ancora si fa fatica a comprendere è il come rendersi conto di essere in uno stato di idratazione ottimale. Limitarsi a bere dell’acqua durante il giorno, infatti, non sempre è sufficiente, specie nel periodo estivo, in cui il caldo può giocare brutti scherzi anche a chi cerca di stare attento a questo particolare. Per fortuna ci sono diversi sintomi che indicano uno stato di disidratazione e che una volta colti come campanelli d’allarme possono esserci utili per spingerci a bere dell’altra acqua in modo da risolvere il problema in modo rapido e senza problemi.

I sintomi della disidratazione

Fonte: chedonna.it

Anche chi beve a sufficienza, alle volte, può andare incontro ad episodi di disidratazione, ciò accade per via del sudore eccessivo, di un colpo di calore o di altri piccoli fenomeni cui spesso non si presta la dovuta attenzione. Visto che la disidratazione può essere anche molto grave, oggi cercheremo di capire quali sono i segnali che, sete a parte, indicano il bisogno di aumentare l’apporto di liquidi.

Bocca impastata e alito cattivo. Senza acqua, la saliva non viene ripulita e questo può portare ad una proliferazione di batteri che comporta alito cattivo e sensazione di bocca impastata.

Voglia di zuccheri. La sete spesso per alcune persone è percepita come fame. Se si ha un’improvvisa voglia di zuccheri o di frutta, probabilmente l’organismo sta richiedendo acqua. Quando lo stimolo arriva all’improvviso è quindi consigliabile provare a bere un bicchiere d’acqua.

Continua a leggere su CHEDONNA.IT

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!