Ragazza con disabilità blocca il tram, l’Atac la denuncia

«Era il terzo che passava senza che ci potessi salire»

La storia la racconta Il Fatto Quotidiano , riguarda la linea 5 del tram che transita per Piazza Maggiore a Roma.

Capita infatti molto spesso che i mezzi pubblici non siano attrezzati per il trasporto delle persone in carrozzina e  questo obbliga chi deve spostarsi ad attendere anche per ore che passi il bus o il tram giusto per poter salire.

È quello che è successo anche a Concetta per l’ennesima volta il 13 gennaio. Doveva andare a Tor Vergata per frequentare un corso regionale e quando si è vista passare davanti il terzo tram senza poter salire si è piazzata davanti alle rotaie con la sua carrozzina fermando il traffico.

A questo punto l’Atac l’ha denunciata per interruzione di pubblico servizio.

Intervistata da Renato La Cara, Concetta si è sfogata: «Il mio tempo ha un valore prezioso come quello di tutti del resto. La mia giornata non è composta da 72 ore. Vorrei evidenziare che i mezzi dell’Atac fanno ritardi continui e ci sono tanti reclami che provano questo stato di evidente disagio diffuso». 

Basterebbe che ci fosse un solo gradino

I tram inaccessibili per Concetta sono quelli che hanno tre scalini per salire, infatti, come racconta lei stessa: «Io non aspetto quello con la pedana perché tram con pedana non ce ne sono, aspetto quello col male minore ovvero un solo gradino”.

E anche il 30 gennaio ne sono passati cinque prima di vederne uno accessibile. E questa è la normalità di tutti i lunedì da ottobre a oggi, c’è da far perdere la pazienza a un santo.

Chi deve chiedere scusa?

 «Io mi assumo la responsabilità di aver bloccato l’ennesimo tram vecchio di decenni e non accessibile ancora in circolo a Roma» afferma Concetta «Ma Atac dovrebbe chiedermi scusa per 12 anni interi, per tutte le volte che sono rimasta a terra, per tutte le volte che me ne sono tornata a casa senza arrivare mai alla meta che mi ero prefissata». 

Sarà interessante vedere come va a finire.

Foto di moritz320 da Pixabay

Leggi anche:
Disabilità neurocognitive: «strumenti magici» per la riabilitazione
Il Teatro di Camelot: attori professionisti con disabilità
Pareri non richiesti e luoghi comuni: 5 cose da non dire alle persone con disabilità

Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.

Potrebbe interessarti anche

Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy