Rimedi naturali per aumentare le difese immunitarie

Diverse piante possono essere sfruttate contro le infezioni virali per aumentare le nostre difese immunitarie e sostenere l’organismo

Cosa sono i virus e come si diffonde un’infezione

Prima di conoscere i rimedi naturali che possono aiutarci ad aumentare le nostre difese immunitarie, vediamo cosa sono i virus, come agiscono sul nostro organismo e cosa può fare il nostro corpo per difendersi.

I virus sono particelle dotate di una molecola di RNA o di DNA, cioè di un genoma, racchiusa in un rivestimento proteico cui si aggiunge, in alcuni casi, un secondo rivestimento più esterno.

Si tratta di agenti patogeni che per sopravvivere hanno bisogno di infettare le cellule di un ospite animale o vegetale, così da sfruttarne le strutture cellulari per replicarsi.

Per questo, i virus cercano di entrare in contatto con il nostro organismo attraverso la pelle e le mucose danneggiate, la congiuntiva, il tratto gastrointestinale e le vie aeree per poterlo infettare: dopo essersi introdotto nel nostro corpo, il virus replica il proprio genoma in una cellula, poi in un’altra cellula e in un’altra ancora e l’infezione prosegue con conseguenze più o meno gravi.

La malattia che si sviluppa in seguito all’infezione, infatti, dipende da quali cellule vengono infettate, dal danno cellulare provocato dall’infezione e dalla durata dell’infezione. Se il virus non danneggia in modo significativo le cellule, risultiamo asintomatici, cioè privi di sintomi evidenti. Se il patogeno altera la funzione cellulare o provoca la morte delle cellule, i sintomi che possono comparire sono malessere, febbre, cefalea, dolori muscolari e sintomi respiratori anche gravi che, in alcuni casi, possono portare al decesso della persona contagiata.

Il nostro sistema immunitario ovviamente interviene per difenderci dall’attacco e, in caso di successo, il virus viene debellato in due o tre settimane dal nostro corpo: in questo arco di tempo, il virus cercherà di passare a un altro organismo per continuare a sopravvivere e replicarsi.

Il sistema immunitario ci difende dalle infezioni

Quando un agente infettivo supera la nostra prima linea di difesa data da cute, mucose e altre barriere fisiche e chimiche, si trova a dover fare i conti con i meccanismi aspecifici e specifici pronti a debellarlo.

Le componenti del sistema immunitario, infatti, lavorano insieme per rimuovere il responsabile dell’infezione e conferire l’immunità permanente verso il patogeno.

Le cellule del sistema immunitario si occupano di fagocitare l’agente infettivo, riconoscono e uccidono le nostre cellule infettate, aumentano le difese delle cellule circostanti a quelle infette e, infine, producono anticorpi specifici contro il patogeno, così da rendere più rapida ed efficace la risposta nel caso in cui quel patogeno si ripresenti.

Quando un virus compare per la prima volta tra la popolazione come nel caso del nuovo coronavirus, nessuno ha ancora sviluppato anticorpi per quel patogeno, dunque il virus si diffonde più velocemente e i contagi aumentano in modo esponenziale.

Se poi il nostro sistema immunitario è già provato da altre patologie o se risulta indebolito da altri fattori – ad esempio lo stress – un’infezione virale può fare non pochi danni.

Il nostro sistema immunitario funziona meglio se seguiamo un’alimentazione sana ed equilibrata, in grado di fornire al nostro corpo tutti i macronutrienti e i micronutrienti necessari a lavorare al meglio, tra cui vitamine e minerali.

Anche l’attività fisica sostiene il sistema immunitario poiché diverse cellule del sistema immunitario si mobilitano proprio in seguito a un esercizio fisico moderato.

Oltre a mantenere delle sane abitudini è poi possibile rafforzare la risposta del nostro corpo grazie all’assunzione di rimedi naturali.

Aumentare le difese immunitarie non significa diventare immuni dal virus ma offrire al nostro organismo un aiuto in più per rispondere all’eventuale infezione e aumentare le possibilità di successo.

Rimedi naturali per aumentare le difese immunitarie

Per aumentare le difese immunitarie, la fitoterapia sfrutta piante definite immunomodulanti, immunostimolanti e adattogene.

Si tratta di rimedi naturali venduti normalmente in erboristeria e in farmacia e la cui assunzione è grado di aumentare la risposta dell’organismo all’attacco di agenti patogeni.

Tra le piante e i rimedi naturali maggiormente utilizzati per aiutare il nostro corpo a far fronte a un’infezione virale troviamo ad esempio l’echinacea (Echinacea purpurea), che può essere assunta sotto forma di sciroppo, capsule o tintura madre, da sola o in sinergia con propoli o altre piante immunostimolanti tra cui la rodiola (Rhodiola rosea) che ha anche azione sul tono dell’umore, un aspetto da non sottovalutare in questo periodo di forte stress.

Dell’echinacea si utilizzano il rizoma e le parti aeree e la dose giornaliera consigliata è pari a 900 mg di droga al giorno, che corrispondono a circa 60 gocce di tintura madre da assumere tre volte al giorno. I trattamenti con echinacea non devono essere prolungati per più di otto settimane.

Un’altra pianta utile per aumentare le difese immunitarie e ad azione adattogena e antivirale è l’Eleutherococcus senticosus. Dell’eleuterococco si utilizza la radice, da assumere sotto forma di decotto, capsule, compresse o tintura madre. Questa pianta aiuta ad accrescere la resistenza dell’organismo e a migliorare il quadro clinico nelle persone affette da sindrome influenzale. Per trarre beneficio dall’eleuterococco si assumono 3-4 grammi di droga al massimo al giorno, pari a 40 gocce di tintura madre al dì o a 4-6 compresse da 500 mg l’una.

Oltre a echinacea ed eleuterococco, negli stati influenzali sono molto utili anche le bacche di schizandra (Schisandra sinensis). I frutti di questa liana sono tradizionalmente consumati in un infuso noto come omilla tea, a base di schizandra e pinoli. Si tratta di un rimedio efficace e sicuro per i quali non sono noti effetti collaterali rilevanti: si possono assumere da 1,5 a 6 g di bacche essiccate al giorno o, in alternativa, capsule contenenti 100 mg di estratto al giorno.

Infine, come dimenticare l’astragalo (Astragalus membranaceus), pianta dall’azione immunostrimolante e antivirale. La preparazione più frequente in questo caso è la tintura madre al assumendone 2-4 millilitri tre volte al giorno.

Fonti:
Echinacea
Rodiola
Eleuterococco
Astragalo

Leggi anche:
Erbe Officinalis: natura da scoprire
Le 7 erbe drenanti per sgonfiare la pancia
I capelli me li faccio color curcuma

Tatiana Maselli

Tatiana Maselli

Mi chiamo Tatiana, sono laureata in erboristeria e lavoro per promuovere stili di vita sani ed etici, sfruttando le incredibili proprietà delle piante per la bellezza, l’alimentazione e il benessere

Potrebbe interessarti anche

Tatiana Maselli

Tatiana Maselli

Mi chiamo Tatiana, sono laureata in erboristeria e lavoro per promuovere stili di vita sani ed etici, sfruttando le incredibili proprietà delle piante per la bellezza, l’alimentazione e il benessere

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy