Il Parco Eolico di Durazzano (Benevento) fotografato da Luigi Di Lorenzo, 15 dicembre 2017

Rinnovabili: l’Italia ha raggiunto il target 2020

Male Paesi Bassi e Francia, eccellente la Svezia. Intanto, anche il Quatar, Paese del petrolio, firma per il suo primo fotovoltaico

Le fonti rinnovabili hanno coperto il 18% del consumo lordo finale di energia nell’Ue nel 2018, con un trend che si conferma in crescita rispetto al 17,5% del 2017. Siamo oltre il doppio rispetto al 2004, quando la percentuale era dell’8,5%. Lo dice Eurostat, l’ufficio di statistica europeo.

Bene l’Italia, ma c’è di meglio

L’Italia è ben posizionata in relazione agli obiettivi nazionali al 2020: nel 2018 era già al 17,8%, sopra l’obiettivo vincolante del 17%, raggiunto già nel 2015. Il nostro paese ha quindi oggi raggiunto i target prefissati per quest’anno, così come altri undici paesi: Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Grecia, Croazia, Lettonia, Lituania, Cipro, Finlandia e Svezia.

Promossi e bocciati

La Svezia ha avuto di gran lunga la quota più elevata nel 2018 con oltre la metà (54,6%) della sua energia proveniente da fonti rinnovabili. Seguono tra i bravissimi: Finlandia (41,2%), Lettonia (40,3%), Danimarca (36,1%) e Austria (33,4%). All’estremità opposta della scala, la percentuale più bassa di energie rinnovabili è stata registrata nei Paesi Bassi (7,4%). Azioni deboli, meno del dieci percento, sono state registrate anche a Malta (8,0%), Lussemburgo (9,1%) e Belgio (9,4%). Male anche Francia, che è al 16,6% rispetto al 23%, l’Irlanda (4,9 punti al di sotto dell’obiettivo) e la Slovenia (3,9 punti sotto).

La svolta in Qatar

Intanto anche il Qatar, il Paese del petrolio, adesso scommette
sull’energia da fonti rinnovabili, in particolare sul solare. Il piccolo emirato della penisola araba ha firmato un accordo da 470 milioni di dollari (424 mln di euro) per la costruzione del primo impianto solare
da parte di una joint venture che comprende anche la francese Total.

Per sapere come e perché potremmo fare molto meglio, leggi anche:

Desertificazione, clima, rinnovabili e l’egoismo generazionale

La Svezia raggiunge gli obiettivi rinnovabili del 2030 con 12 anni di anticipo

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy