Salvini divora ciliegie mentre Zaia parla dei bimbi morti a Verona

Periodo nero per il leader della Lega

Il Partito Democratico ha diffuso su Twitter questo video in cui Matteo Salvini mangia di gusto una ciliegia dopo l’altra mentre Luca Zaia parla di quanto avvenuto all’ospedale di Borgo Trento, Verona, dove tre neonati sono morti per via del batterio Citrobacter.

Su alcuni di questi casi sta indagando la Procura. Ci sarebbero anche casi di neonati in stato vegetativo. Gravi danni neurologici ad altri bambini appena nati sono stati anch’essi imputati allo stesso batterio, che si sarebbe diffuso nell’ospedale veronese.

Per Salvini nuova ondata di critiche

Nel video Zaia spiega che bisogna mettere in sicurezza l’ospedale e poi accendere la luce sulla vicenda per chiarire cosa sia accaduto. “Vogliamo capire quali sono state le cause, anche se non riusciremo a ridare la vita ai bimbi che si sono ammalati”. Stride fortemente il leader della Lega che mangia serenamente e di gran gusto nonostante l’argomento.

Sulla scia di un meme molto popolare in questi giorni potremmo immaginare Salvini che si domanda: “Ah non potevo”? L’ex Ministro degli Interni infatti è stato redarguito in trasmissione da Gianni Floris di recente perché non indossava la mascherina in un luogo affollato. E lui ha appunto risposto con finta ingenuità: “Ah, non posso?”, dimostrando di ignorare o sprezzare la legge. Cosa che ha scatenato la rete.

Da lì, il passo è breve per tirare in ballo altri temi forti della settimana.

Perché le ciliegie

L’evento di Verona è già stato battezzato il “patto delle ciliegie” tra Matteo Salvini e Luca Zaia, che ha suggellato ieri la sua ricandidatura alla presidenza del Veneto nelle prossime elezioni regionali. Poco prima della conferenza stampa, una militante veronese aveva donato a Salvini e a Zaia due cestini di ciliegie, come buon auspicio per l’annunciata ricandidatura del “doge” trevigiano. Non è andata come previsto.

Leggi anche:
Ops, abbiamo invaso la Cecoslovacchia per sbaglio
“Devono stare a 90 gradi”: ecco il Black Lives Matter di casa nostra
Alaska: il sì di Trump alla caccia con tecniche “inumane e barbare”
Colombo è decapitato, ora tocca a Montanelli

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei.

Consigli per gli acquisti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy