Sarà Fedez a cambiare la Rai?

L’artista ha denunciato la politicizzazione del servizio pubblico

Vi ricordate quando la Rai – con giubilo – annunciava in un tg la vittoria di Salvini sulla vicenda Open Arms? È solo un esempio di quel che gli italiani conoscono bene, ovvero la presenza massiccia, per statuto, di forze politiche di maggioranza governativa nel Cda della Rai e , di conseguenza, nel tessuto dei dipendenti, fino e soprattutto tra i giornalisti del servizio pubblico.

Fuori i partiti dalla Rai?

Data la polemica in corso tra il rapper – che chiede con forza che il Ddl Zan contro l’omofobia diventi legge – e la Lega – che lo ostacola pesantemente da settimane – ieri Fedez, ha pubblicato la telefonata ricevuta dalla Rai appena prima del Concertone del Primo Maggio, con la richiesta di non riportare le citazioni dei consiglieri leghisti sugli omosessuali. Il polverone che ne è nato è stata l’occasione per il leader del Pd, Enrico Letta, di cambiare “passo”, di inaugurare “una fortissima discontinuità” nelle imminenti nomine dei componenti del consiglio di amministrazione Rai. Letta propone di lasciar fuori dal cda parlamentari in carica o ex. “Il criterio sia il curriculum”, dice, augurandosi che il premier Mario Draghi e il ministro dell’Economia, Daniele Franco, siano “sulla stessa linea”. Per Letta, e non solo per lui, la polemica in corso è infatti “l’ennesima conferma del fallimento della gestione Rai” nata con il governo M5S-Lega.

L’Usigrai si accoda

Fuori dai giochi, parla anche Conte Dato che si trova momentaneamente fuori dalla politica, l’ex premier Giuseppe Conte, leader in pectore del M5S, ha detto anche lui di voler “riformare la governance della Rai”, tenendo fuori i partiti tramite una fondazione: esattamente come scrive la proposta di legge del Pd, rilanciata ieri dal suo primo firmatario, Andrea Orlando, ministro del Welfare. “E se passassimo ai fatti?”, ha detto anche il sindacato Rai, tramite il suo leader Vittorio Di Trapani.

LEGGI ANCHE:

È accettabile che la Rai annunci con giubilo la “vittoria” di Salvini?

“A chi devo praticare un rapporto orale per lavorare in Rai?”

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy