Scampia: il 13enne con treccine blu che non può entrare a scuola

Scampia: il 13enne con treccine blu che non può entrare a scuola

Preside “Imparano oggi quello che servirà loro domani”

Si presenta a scuola con la testa rasata e le treccine blu elettrico e la preside non lo fa entrare. A Scampia, nell’istituto comprensivo Ilaria Alpi-Carlo Levi, un ragazzino di 13 anni si è visto negare l’accesso in classe per i suoi capelli. “Abbiamo un dress code, delle regole che vanno rispettate da tutti – afferma la dirigente scolastica Rosalba Rotondoquei capelli sono un capriccio”.

Nessuna porta in faccia – assicura la preside – tutti i genitori firmano, ogni anno, un Patto di corresponsabilità’. Ci sono regole che valgono per tutti, alunni e docenti, e i genitori le conoscono”. Regole che non valgono solo per le treccine: messe al bando anche creste, shatush o altre acconciature carnevalesche. E ancora: no a bermuda, pantaloni stracciati, sandali, trucco pesante, ombelico scoperto, maglie e felpe con simboli che inneggiano alla violenza o a modelli sbagliati. Al bando anche i cellulari: sono vietati. E sia chiaro: “Sono regole che faccio rispettare anche ai docenti. Io per prima le rispetto”.

Imparano oggi quello che servirà loro domani – sottolinea Rotondo, da 36 anni alla guida dell’istituto comprensivo Alpi-Levi di Scampia – Immagino i miei alunni come i dirigenti di domani. Potranno mai andare a lavorare in bermuda o con l’ombelico scoperto o con treccine blu elettrico? Continua a leggere (Fonte: REPUBBLICA.IT )

Dalla stampa nazionale:

(…) La famiglia del ragazzo con le treccine blu, però, ha deciso di proseguire nella battaglia che stanno portando avanti contro la scuola che ha discriminato il figlio. “Abbiamo contattato le forze dell’ordine, appena possibile sporgeremo querela”, ha spiegato la nonna sempre su Facebook.

Nemmeno la dirigente Rotondo ha intenzione di arretrare, anche se sui social è partito il linciaggio. Anzi. Ha annunciato che scriverà al ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, per spiegare il suo gesto e dimostrare che “dietro ogni regola c’è un valore formativo”. (…)

Il consigliere dei Verdi in difesa del ragazzo con le treccine blu – “Qualora quanto raccontato dalla signora (la nonna del ragazzo, ndr) dovesse essere confermato dalle evidenze – affermano il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli – saremmo di fronte ad un fatto di una gravità senza precedenti, una vicenda ai limiti dell’assurdo”.

“L’atto di escludere un ragazzo a causa delle treccine blu è discriminatorio e ingiustificabile. Tra l’altro stiamo parlando di un minorenne, un ragazzo di 13 anni, lasciato in strada mentre i genitori pensano che si trovi a scuola”, proseguono. “Abbiamo inviato una nota all’Ufficio scolastico regionale e al Miur evidenziando quanto raccontato dalla signora. Occorre appurare le responsabilità della dirigente scolastica in questa stucchevole vicenda”, concludono. Continua a leggere (Fonte: TPI.IT di Maria Teresa Camarda)

LE REGOLE DEL VESTIRE, UNA LEZIONE ANCHE A SCUOLA –  Insegnare i modi della civiltà, anche attraverso l’abbigliamento corretto in classe, non è una «ipocrisia anacronistica», come hanno scritto alcuni studenti. Ma un dovere della scuola. È una materia strana, che sta tra la filosofia e la storia dell’arte, e si chiama «Stile» (e non staremo a tenere una lezione sullo stretto rapporto tra Estetica ed Etica, ciò su come la Bellezza sia generatrice di virtù, e il brutto del Male). Così come dettare delle regole di comportamento, anche in fatto di guardaroba, non lede alcun diritto costituzionale. È solo un altro modo per preparare i ragazzi alla vita adulta, fatta di rapporti di lavoro, obblighi, relazioni sociali e soprattutto – sempre – buon gusto. E sapere come vestirsi, come stare a tavola, come parlare, non è un regolamento da college, semmai una carta vincente (rimane solo un parere di chi scrive: ma tra un inglese «fluente» e il saper abbinare abito e pochette alle diverse situazioni, continuerei a scegliere la seconda dote: mi è servita molto di più nella vita, ndr). Comunque…

Qualcuno a Schio – addirittura – ha porta in aula autorevoli riviste di moda che spiegano come bermuda e t-shirt, in estate, possano essere un dress code consono e rispettoso. «La volgarità e la maleducazione sono un’altra cosa» rispetto a un paio di jeans tagliati male, è vero. Ma il rispetto per sé e per gli altri (colleghi, compagni, professori), che vale qualcosa in più della semplice moda e dei freddi regolamenti, inizia sempre dallo stile. Continua a leggere  (Fonte:ILGIORNALE.IT di Luigi Mascheroni)

Fonte immagine: REPUBBLICA

Claudia Faverio

Claudia Faverio

Appassionata di ambiente e dei diritti umani da sempre. Fa parte della redazione dove segue l'attualità quotidiana e il meglio del web. Si occupa anche dei rapporti con siti, blog, enti e imprese per la comunicazione di e su People For Planet.

Claudia Faverio

Claudia Faverio

Appassionata di ambiente e dei diritti umani da sempre. Fa parte della redazione dove segue l'attualità quotidiana e il meglio del web. Si occupa anche dei rapporti con siti, blog, enti e imprese per la comunicazione di e su People For Planet.