Spiagge Toscana plastic free

Spiagge senza plastica in Toscana: accordo di 900 stabilimenti balneari

La prima regione d’Italia plastic free.

Novecento stabilimenti balneari, lungo circa 230 km di costa, dal confine con la Liguria al Nord a quello con il Lazio al Sud, diranno addio già a partire dall’estate 2019 a piatti, bicchieri, cannucce e posate monouso per far posto a quelle biodegradabili o biocompostabili, già presenti in commercio.

La Regione Toscana, infatti, ha di fatto anticipato gli obiettivi della Direttiva europea, che ha avuto nei giorni scorsi anche l’ok del Consiglio Ue, e che diventeranno effettivi a partire dal 2021.

Gli articoli di plastica monouso rappresentano numericamente circa la metà dei rifiuti marini rinvenuti sulle spiagge europee, provocando gravi danni all’ambiente, all’ecosistema e alla fauna marina, ma anche alle attività produttive come turismo, pesca e trasporto marittimo.

Regione e associazioni di categoria (Confesercenti, Confcommercio, Cna Toscana, Confartigianato, Confindustria, ma altre sigle si aggiungeranno anche in un secondo momento, trattandosi di un protocollo aperto) firmeranno nei prossimi giorni un’intesa che metterà da subito le stoviglie monouso al bando, comminando sanzioni in caso di irregolarità: l’accordo, che prende il nome di “Spiagge sostenibili”, vedrà anche la firma di Anci Toscana e conterrà un percorso per recepire in una legge regionale le disposizioni della direttiva europea sull’economia circolare, e indicazioni per attività di comunicazione e di sensibilizzazione rivolte a utenti e fruitori degli stabilimenti balneari per un comportamento corretto e rispettoso. Saranno anche installati contenitori per la raccolta differenziata anche nelle spiagge libere.

Continua a leggere su ILSOLE24ORE.COM

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!