Taci, la lampadina ti ascolta!

Uno studio israeliano svela come è possibile essere spiati attraverso le lampadine

Un team di ricercatori israeliani ha scoperto un sistema per “spiare” le conversazioni a distanza grazie alle vibrazioni delle lampadine presenti nell’ambiente dove le persone parlano.

Per Lamphone basta una lampadina, ma appesa

Il sistema, chiamato Lamphone consente di decrittare il contenuto di una conversazione anche a 25 metri di distanza.

“Tutti i suoni in una stanza possono essere rilevati senza hackerare nulla e senza nascondere un dispositivo sul posto. Devi solo avere nel tuo campo visivo una lampadina sospesa con il filo alla plafoniera”, ha spiegato Ben Nassi, direttore della ricerca, alla rivista Wired. Ha anche chiarito che questa tecnica “non funziona nel caso di una lampadina direttamente attaccata al soffitto o montata su una lampada da tavolo”.

Il video che spiega come funziona

Qui il video che spiega il funzionamento di Lamphone preparato da Ben Nassi con il suo team di ricercatori israeliani.

Ascoltare i Beatles e Trump trasmessi a casa degli altri

“Quando le onde sonore raggiungono una lampadina, la sua superficie vibra,” spiega Nassi. “Il risultato è uno sfarfallio debole della luce emessa, che se invisibile ad occhio nudo può essere rilevato da appositi sensori.” Questi sfarfallii vengono misurati e convertiti in un segnale elettrico, che a sua volta si trasforma in informazioni digitali che un programma informatico ad hoc decodifica eliminando il rumore di fondo.

Il risultato è abbastanza preciso da consentire ai ricercatori di identificare la canzone Let it Be dei Beatles o Clocks dei Coldplay o di trascrivere un estratto del discorso di Donald Trump trasmessi nella stanza osservata a distanza.

Chiudete le tende!

Gli autori di questo studio, che affermano di essere stati i primi ad essere sorpresi dal risultato, affermano che cercano di pubblicizzare la loro scoperta per incoraggiare le istituzioni e le organizzazioni a proteggersi da questo tipo di spionaggio.

Insomma, se avete delle cose riservate da dirvi è meglio chiudere le tende!

Bruno Patierno

Bruno Patierno

Mi occupo di marketing e di comunicazione. L’impresa più folle e istruttiva è stata fare l’Assessore a Napoli. Attualmente il mio maggiore interesse professionale è coordinare assieme all’amico Jacopo Fo il Gruppo Atlantide e in mezzo a questo c’è anche fare il project designer di People For Planet. Ne sono molto orgoglioso.

Potrebbe interessarti anche

Bruno Patierno

Bruno Patierno

Mi occupo di marketing e di comunicazione. L’impresa più folle e istruttiva è stata fare l’Assessore a Napoli. Attualmente il mio maggiore interesse professionale è coordinare assieme all’amico Jacopo Fo il Gruppo Atlantide e in mezzo a questo c’è anche fare il project designer di People For Planet. Ne sono molto orgoglioso.

Consigli per gli acquisti

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy