Tesla prova a rilanciare il fotovoltaico tagliando i prezzi del 38%

L’annuncio dell’azienda di Elon Musk anticipato dal NY Times

Tesla taglierà i costi di vendita di moduli fotovoltaici e altre attrezzature solari del 38% rispetto alla media degli altri operatori nel mercato USA secondo un’anticipazione riportata dal NY Times. L’abbattimento dei costi dovrebbe provenire dalla razionalizzazione del processo d’installazione e vendita: agli utenti verrà chiesto di ordinare online i pannelli interagendo nella fase di progettazione con gli esperti di Tesla.

Secondo il direttore del comparto fotovoltaico di Tesla, Sanjay Shah, il ritardo nel settore dell’azienda fondata da Elon Musk riguarda l’eccessiva complessità di vendita dei prodotti: per ovviare a queste difficoltà, Shah ha annunciato che Tesla offrirà sistemi per l’incremento massimo di 4 kW (ovvero 12 moduli) e chiederà agli utenti di inviare immagini relative agli impianti elettrici domestici (contatori, scatole di interruttori e altre apparecchiature) così da evitare i sopralluoghi degli esperti Tesla.

La nuova strategia dovrebbe portare gli utenti a pagare tra 1,75 e 1,99 dollari per watt, a seconda del luogo d’abitazione, molto meno rispetto ai 2,85 dollari per watt (cui aggiungere 1 dollaro per autorizzazioni e sopralluoghi) spesi in media dagli utenti che installano moduli fotovoltaici secondo la Solar Energy Industries Association.

Continua a leggere su RINNOVABILI.IT

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Redazione centrale: Gabriella Canova, Simone Canova caporedattore centrale, Miriam Cesta settore Persona, Maria Cristina Dalbosco settore Società, Michela Dell’Amico settore Green

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Redazione centrale: Gabriella Canova, Simone Canova caporedattore centrale, Miriam Cesta settore Persona, Maria Cristina Dalbosco settore Società, Michela Dell’Amico settore Green