Thailandia: parchi nazionali chiusi ogni anno per proteggere gli animali

Thailandia: parchi nazionali chiusi ogni anno per proteggere gli animali

Un’iniziativa a favore della riproduzione delle specie

Durante i circa due mesi di lockdown che hanno costretto il mondo a mettersi in pausa e a ritornare agli antichi ritmi lenti, la natura è rifiorita anche nei luoghi più angusti e cementificati e gli animali si sono ripresi i loro spazi, passeggiando liberi nelle piazze delle città o riappropriandosi della loro casa. Ricordate la storia dei due panda che si sono accoppiati dopo 10 anni e lontanti dagli occhi indiscreti dei turisti o l’Himalaya visibile anche a 200 Km di distanza?

Insomma, l’interruzione forzata ha costretto noi uomini a fare i conti con noi stessi e  le nostre azioni, concedendo un respiro di sollievo a Madre Terra.

Questa rinascita temporanea non ha lasciato indifferente nessuno tanto che in Thailandia, il Dipartimento dei Parchi Nazionali e della conservazione della fauna selvatica e delle piante (DNP), ha annunciato la volontà di chiudere ogni anno per circa due mesi i parchi nazionali per consentire agli animali di riprodursi e vivere secondo i propri ritmi naturali, lontani dalla presenza umana e dall’invadente voyeurismo turistico.

Secondo il Bangkok Post, da quando i 25 parchi nazionali sono stati chiusi il 25 marzo, sono stati avvistati tantissimi animali selvatici nei parchi nazionali di tutto il Paese.

L’assenza di turisti ha condotto al recupero della fauna selvatica“, ha dichiarato la direttrice generale della DNP Thanya Netithammakun, aggiungendo che gli animali sembravano essere in pace e nelle giuste condizioni per riprodursi.

L’impatto del cambiamento radicale esercitato sulle nostre abitudini e imposto dalla diffusione del coronavirus, ha generato un cambio di visione per alcuni, ma la strada da fare affinché i diritti di tutti gli esseri viventi vengano rispettati è ancora lunga.

Tuttavia, la scelta di un cambio di rotta rappresenta uno spiraglio di luce affinché il mondo diventi davvero un posto più equo, vivibile e sostenibile.

Salvaguardiamo gli animali, salviamo il Pianeta.

Leggi anche:
Hong Kong: lo zoo è chiuso e i due panda si accoppiano dopo 10 anni
Un’immagine idilliaca: decine di cervi riposano tra i ciliegi in fiore in Giappone
Dopo 30 anni, in India si torna a vedere l’Himalaya innevato anche a 200 Km di distanza

Maria Grazia Cantalupo

Maria Grazia Cantalupo

Social Media Manager di People For Planet

Potrebbe interessarti anche

Maria Grazia Cantalupo

Maria Grazia Cantalupo

Social Media Manager di People For Planet

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy