Torna Rugby nei Parchi 2019 (se potete portateci i vostri figli)

Gli obiettivi: promuovere lo sport, combattere il bullismo, valorizzare le aree verdi urbane

Fino al 18 maggio torna “Rugby nei Parchi 2019”, ottava edizione di una manifestazione dedicata ai bambini e ragazzi tra i 5 e i 12 anni che porta la palla ovale e il gioco del rugby nei parchi e nelle aree urbane di alcune città italiane (vedi sotto il calendario).

Un’occasione per conoscere i parchi verdi della propria zona e fare uno sport che insegna umiltà, sacrificio e gioco di squadra, diventando un’ottimo strumento per combattere il bullismo.

L’iniziativa è aperta a tutti, maschi e femmine, vi dirò di più… all’ultimo 6 Nazioni di Rugby la nazionale italiana femminile è arrivata seconda, un risultato storico.

Chi scrive gioca a rugby. Nell’ambiente si dice spesso che l’amore per il rugby nasca dal fatto che è una straordinaria metafora della vita: si avanza nel campo passando la palla all’indietro, sono richiesti coraggio e forza ma anche rispetto per l’avversario, per i compagni e per l’arbitro. Quando finisce la partita si diventa amici nel Terzo tempo, un’amicizia che magari dura solo qualche ora, il tempo del terzo tempo, appunto, ma si ride e si scherza insieme, si mangia e si va via sempre con ricordi positivi.

Nel rugby si gioca nel rispetto dello sport stesso, se fai lo stupido offendi generazioni di piloni di mischia che hanno giocato prima di te e se conosci il rugby sai che i piloni non vanno mai fatti arrabbiare troppo.

Parte integrante del gioco è il “sostegno”, il rugby è un gioco molto di squadra, capita che un giocatore riesca a bucare la difesa a fare meta con una corsa personale ma sono casi rari: il grosso di una partita di rugby è avanzamento di squadra, conquista metro su metro del campo avversario.

Il rugby insegna a lottare poi nel mondo del lavoro, ti insegna che se cadi, ti rialzi subito e rincominci a spingere perché la squadra ha bisogno di te.

A volte la vita è dura ma a te passa, perché domenica hai la partita.

Mi è capitato di giocare con ragazzi che avevano appena perso un parente, minuto di silenzio prima della partita, e poi alla fine venivano a ringraziarti con le lacrime agli occhi per avergli regalato una bella partita, un po’ di distrazione, il coraggio di andare avanti. Ne girano tante di queste storie negli spogliatoi…

Quindi portate i vostri bambini a Rugby nei Parchi 2019 o cercate la società sportiva di rugby più vicina a voi e fate conoscere ai vostri figli questo meraviglioso sport.
Sempre nell’ambiente si dice che “rugbysti una volta, rugbysti per sempre”, non si dimentica.

Rugbyneiparchi.com

Prossime tappe Rugby nei Parchi 2019

Sabato 30 Marzo – Parma PARCO DELLA CITTADELLA
Sabato 13 Aprile – Ancona PARCO BELVEDERE POSATORA
Sabato 4 Maggio – Milano PARCO ALDO ANIASI (Parco di Trenno)
Sabato 11 Maggio – Padova PARCO IRIS
Sabato 18 Maggio – Genova FORTE BEGATO – PARCO DELLE MURA

Immagine copertina: Onrugby

Simone Canova

Simone Canova

Scrittore, ricercatore, grafico, autore di “Cacao, il quotidiano delle buone notizie”, webmaster dei siti del circuito di Alcatraz/Jacopo Fo. E’ Coordinatore della redazione centrale di People For Planet.

commenta

Simone Canova

Simone Canova

Scrittore, ricercatore, grafico, autore di “Cacao, il quotidiano delle buone notizie”, webmaster dei siti del circuito di Alcatraz/Jacopo Fo. E’ Coordinatore della redazione centrale di People For Planet.