Tornare in forma dopo l'estate

Tornare in forma dopo le vacanze (senza traumi): dallo sport alla tavola

5 consigli degli esperti

‘Da domani, dieta e palestra’. Quanto a buoni propositi, settembre è un po’ come Capodanno. Ma passare dal mojito in spiaggia al caffè in ufficio è più facile a dirsi che a farsi: cinque modi per tornare in città carichi di energia senza stress e senza (troppe) rinunce

1. A tavola tanto verde (e qualche mandorla)

Una frittura di pesce, la spaghettata di mezzanotte, qualche drink di troppo ed ecco che a settembre la linea presenta il conto. «La soluzione non sta nello stravolgere tutto, ma nell’inserire gradualmente abitudini più salutari», spiega il professor Tiziano Gemelli, docente di Scienze Motorie all’università di Paviae preparatore atletico. Cioè ridurre gli alcolici e la carne rossa, preferendo pesce azzurro e piatti di verdura, da condire con l’olio d’oliva. I carboidrati non sono da bandire, ma è meglio scegliere quelli a base di farine integrali, perché, spiega l’esperto «sono ricche di triptofano, l’ormone che regola l’umore e regala una sensazione di appagamento e serenità». Durante il giorno bere acqua, spremute di agrumi, oppure delle centrifughe di verdure e frutta, da bere subito. E come snack spezzafame, una manciata di mandorle: «Sono ricche di magnesio, che aiuta a combattere la stanchezza fisica e mentale e a migliorare il tono dell’umore».

2. Contro lo stress? Una bella corsa
C’è chi anche in vacanza si è tenuto in allenamento, tra arrampicate, trekking o nuotate al mare, ma per chi ha preferito il totale relax passare dal lettino alla sala pesi può essere una prospettiva tutt’altro che allettante: «Ma è ampiamente dimostrato che l’attività fisica diminuisce lo stress stimolando la produzione di endorfine», precisa il prof. Gemelli. Per cui, tutti giù dal divano: «La ripresa deve essere graduale, anche negli allenamenti ‘fai da te’ come la corsa continua. Ci si può far consigliare da un personal trainer un programma che alterni tre allenamenti diversi, per non annoiarsi». L’ideale è farlo senza la musica in cuffia, ma imparando ad ascoltare il proprio corpo, aggiunge l’esperto. E non lasciarsi scoraggiare dal brutto tempo: «Correre con il freddo aumenta le difese immunitarie e temprato il fisico: ma prima di affrontare certi allenamenti la visita medica è obbligatoria».

Continua a leggere su ILFATTOQUOTIDIANO.IT


Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Redazione centrale: Gabriella Canova, Simone Canova caporedattore centrale, Miriam Cesta settore Persona, Maria Cristina Dalbosco settore Società, Michela Dell’Amico settore Green

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Redazione centrale: Gabriella Canova, Simone Canova caporedattore centrale, Miriam Cesta settore Persona, Maria Cristina Dalbosco settore Società, Michela Dell’Amico settore Green