Ue: gli elettrodomestici vivranno di più (anche grazie ai Repair Café)

L’Unione europea sta votando a favore dell’obbligo di fornire pezzi di ricambio per diversi anni dopo il lancio di un elettrodomestico, mentre le associazioni indipendenti lavorano per cambiare le nostre abitudini, a partire dai repair café

Con ogni probabilità dal 2021 ogni elettrodomestico, ogni nuovo modello di lavatrice, televisore, frigorifero, lavastoviglie, schermo, lampada, dovrà avere per almeno 7 anni (10 per le lavatrici) dalla messa in commercio i pezzi di ricambio disponibili, per garantire la loro riparabilità. Lo ha deciso il Consiglio dell’Unione europea, che sta revisionando i requisiti di ecodesign per questo gruppo di prodotti. Ora si attende solo il voto del Parlamento: poi le misure dovranno essere adottate da tutti i Paesi membri. Inoltre, i pezzi potranno essere sostituiti usando strumenti che sono normalmente a disposizione di chi fa le riparazioni, e non con attrezzi specifici per un singolo produttore.

Ma questa attesa decisione ha anche altre implicazioni. D’ora in poi i produttori dovranno tenerne conto in fase di progettazione, prevedendo un design che permetta di aprire e riparare gli oggetti (cosa oggi non più scontata), con l’obiettivo di allungarne la vita.

È ancora possibile firmare la petizione che proprio a questo obiettivo puntava, e che ha ottenuto già oltre centomila firme. Il diritto di poter riparare le cose è stato particolarmente ignorato nel nostro Paese, che ha ostacolato “alcune misure chiave del Pacchetto sull’Economia circolare”, adottate dalla Commissione europea “per aiutare le imprese e i consumatori europei a compiere la transizione verso un’economia più forte e più circolare, in cui le risorse siano utilizzate in modo più sostenibile”. Qualcosa di giusto, logico e importantissimo, ma che pareva l’Italia non fosse interessata a pretendere. Poi la petizione, lanciata da Donatella Pavan, fondatrice di Giacimenti Urbani, insieme a Restarters Milano, ha lanciato la raccolta firme a settembre 2018.  “Il 5 dicembre l’abbiamo letta pubblicamente al ministero dell’Ambiente, ha dichiarato, nell’ambito della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti, e l’abbiamo consegnata al ministro Sergio Costa perché la sostenesse”.

Del resto, un’inchiesta realizzata da Eurobarometer rivela che il 77% dei cittadini europei è a favore di prodotti più riparabili: come non esserlo? È qualcosa che permette di evitare spreco di denaro a tutti, mentre riduce di molto l’inquinamento. A livello globale, questo è l’anno in cui, secondo le stime, produrremo circa 50 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici, l’equivalente di quasi mille Titanic.

Anche da noi la sensibilità aumenta. Dopo il recente incendio a Roma, la sindaca Virginia Raggi ha promesso l’apertura di un Repair Café (cosa sono i Repair Café? lo abbiamo spiegato in questo video) al posto dell’impianto di trattamento rifiuti andato in fumo. Di recente ne è stato aperto uno a Udine, mentre in tutta l’Italia per il momento siamo a 12, di cui 3 in Alto Adige. Ma ci sono anche realtà, come il Rusko di Bologna, che hanno preso ispirazione per poi chiamarsi in altro modo. I numeri spiegano bene che la situazione italiana dei Repair Café è ancora “embrionale”, ma l’iniziativa sta riscuotendo sempre più interesse. Chiunque sente parlare di RC trova l’idea geniale (perché lo è!) e valuta di aprirne uno. Beh, se ne avete la possibilità il Repair Caffè non è solo un modo per cambiare il mondo. I suoi obiettivi sono, certo, quello di riportare tra noi la bella arte di aggiustare, e di diffondere il suo know how. Ma anche di promuovere la coesione sociale, connettendo vicini di casa di diverse estrazioni sociali – tutti hanno qualcosa da riparare, prima o poi – con tutte le migliori conseguenze: condividere e inspirarsi, conoscersi, capirsi, farsi compagnia e tenere in allenamento la mente, imparando tecniche e gestualità che servono per aprire e maneggiare un meccanismo elettronico. Cosa di meglio, mentre si protegge il futuro del pianeta?

Fonte immagine

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista scientifica appassionata di ambiente

commenta

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista scientifica appassionata di ambiente