Uk approva il suo terzo vaccino, Astra Zeneca

L’Europa ancora ferma a un solo vaccino

A sorpresa, il vaccino contro il coronavirus progettato dagli scienziati dell’Università di Oxford è stato approvato per l’uso nel Regno Unito. Il vaccino, che presenta numerose differenze rispetto a quelli di Moderna e di Pfizer-BioNTech, non è ancora stato autorizzato dall’Autorità per il farmaco dell’Ue, l’Ema.

Il segretario alla sanità britannico Matt Hancock ha detto che il lancio inizierà il 4 gennaio “e accelererà davvero nelle prime settimane del prossimo anno”.

Al momento, dunque, la Gran Bretagna ha autorizzato per l’uso tre vaccini (Pfizer-BioNTech, Moderna, AstraZeneca-Oxford), l’Unione europea uno (Pfizer-BioNTech).

In arrivo dall’Ue l’ok al Moderna

Sul vaccino di Moderna, approvato in Usa il 18 dicembre, l’Ema si pronuncerà il 6 gennaio.

Il Regno Unito ha ordinato 100 milioni di dosi dal produttore AstraZeneca, sufficienti per vaccinare 50 milioni di persone.

Il vaccino Oxford-AstraZeneca è stato progettato nei primi mesi del 2020, testato sul primo volontario ad aprile e da allora è stato sottoposto a studi clinici su larga scala che hanno coinvolto migliaia di persone.

Perché l’Uk è così veloce?

Oggi oltre 600.000 persone nel Regno Unito sono state vaccinate da quando Margaret Keenan è diventata la prima al mondo a ricevere quel colpo al di fuori di una sperimentazione clinica. Ma il vaccino Oxford-AstraZeneca porterà a un ulteriore e significativo aumento della vaccinazione poiché è economico e facile da produrre in serie.

Fondamentalmente può essere conservato in un frigorifero standard – a differenza del jab Pfizer-BioNTech che necessita di una conservazione ultra fredda a -70 ° C – quindi sarà molto più facile ottenere il vaccino di Oxford nelle case di cura e negli ambulatori medici.

I gruppi prioritari per l’immunizzazione – inclusi gli anziani, i residenti in case di cura e gli operatori sanitari e assistenziali – sono già stati identificati.

L’approvazione del nuovo vaccino arriva dopo che la Public Health England ha affermato che il paese stava affrontando livelli di infezioni “senza precedenti” e funzionari sanitari in alcune parti del Galles, della Scozia e del sud dell’Inghilterra hanno espresso preoccupazione per la crescente pressione sul sistema sanitario.

Quanto è efficace?

La prima analisi dei dati dello studio ha mostrato che il 70% delle persone vaccinate con questa opzione era protetto dallo sviluppo di Covid-19 e nessuno ha sviluppato una malattia grave o ha avuto bisogno di cure ospedaliere. La cifra era invece ferma al 62% quando alle persone venivano somministrate due dosi complete del jab, e del 90% quando veniva somministrata prima una mezza dose e poi una piena. L’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari (MHRA) ha approvato due dosi complete del vaccino Oxford-AstraZeneca. Tuttavia, dati non pubblicati suggeriscono che lasciare un intervallo più lungo tra la prima e la seconda dose aumenta l’efficacia complessiva del vaccino. Non erano però disponibili dati sufficienti per approvare l’opzione della mezza dose e della dose intera. +Tutti i vaccini dovrebbero essere ugualmente efficaci contro le nuove varianti del virus che sono emerse.

Covid-19: I ricchi che cercano di farsi vaccinare prima saltando la fila

Coronavirus, migliaia di morti in meno se avessimo digitalizzato la sanità!

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy