Una squadra di artiste per riscoprire “Donna Circo”

Il primo disco femminista italiano

Abbiamo un progetto ambizioso, quello di riportare alla luce un disco perduto, inciso nel 1974, ma mai distribuito. Si intitola ”Donna Circo” ed è il primo disco “femminista” italiano, ideato e realizzato da Paola Pallottino (testi) e Gianfranca Montedoro (musica e arrangiamenti).

A tre anni dall’enorme successo riscosso attraverso “4/3/43” – la canzone che Paola Pallottino aveva scritto per Lucio Dalla (insieme al quale realizzò altri brani, come “Il gigante e la bambina” e “Anna Bellanna”) – venne prodotto questo lavoro tanto ambizioso, quanto sottovalutato, mai distribuito probabilmente anche a causa della sua forte valenza politica, sociale e culturale. “Donna Circo” è un concept album che attraverso la metafora del circo si fa portatore di un messaggio di autoaffermazione femminile ancor oggi purtroppo estremamente necessario ed urgente, toccando inoltre i temi della violenza contro le donne, dei diritti sessuali e riproduttivi e dell’equità nelle relazioni di genere.

A quarantaquattro anni di distanza, un gruppo di artiste, stregate dalla forza e dalla straordinaria attualità di questo lavoro, ha deciso di far rivivere ”Donna Circo”, reincidendo e reinterpretando le dodici canzoni scritte da Paola Pallottino e Gianfranca Montedoro con il proprio stile e la propria sensibilità. Alice Albertazzi (Alice Tambourine Lover), Enza Amato (The Radiant), Angela Baraldi, Francesca Bono (Ofeliadorme), Eva Geatti (Cosmesi), Susanna La Polla De Giovanni (Suz), Nicoletta Magalotti (NicoNote, Violet Eves), Marianna Pellino (Sofaqueen), Francesca Pizzo (Melampus, Cristallo), Marcella Riccardi (BeMyDelay), Marzia Stano (Una), Valeria Sturba (OoopopoiooO, Vale and the Varlet) sono le dodici voci del territorio emiliano-romagnolo che parteciperanno a questo progetto, affiancate da una band che comprenderà Francesca Pizzo al basso, Valeria Sturba al violino, theremin e synth, Sara Ardizzoni (Dagger Moth) alla chitarra e, non ultima, Vittoria Burattini (Massimo Volume) alla batteria, il tutto sotto la produzione di Ezra Capogna (Casino Royale, Dub Pigeons) del No.Mad Studio di Torino, che si occuperà di confezionare tutti i nuovi brani rivisitandoli in una chiave più attuale.

CONTINUA SU PRODUZIONIDALBASSO.COM

Commenta con Facebook
Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!

commenta

Redazione People For Planet

Redazione People For Planet

Il meglio del Web selezionato per te!