Usa: nuovo omicidio di un giovane afroamericano. 100 arresti a Londra

Intanto Milano imbratta la statua di Montanelli

Mentre il mondo continua a protestare per la morte di George Floyd, ieri un’altra uccisione vigliacca ai danni di un giovane afroamericano colpito alle spalle dalla polizia di Atlanta, Georgia.

La ricostruzione dei fatti

Nella serata di venerdì qualcuno chiama il 911 per via di una macchina sospetta nel parcheggio di un fast food. Pare che il 27enne Rayshard Brooks stesse semplicemente dormendo in auto. Arriva la polizia e si avvicina al veicolo. Sono da poco passate le 22. Pare che i due poliziotti abbiano svegliato il giovane, chiedendogli di sottoporsi alla prova del palloncino. Lui si rifiuta, oppone resistenza e a quel punto gli agenti lo tirano fuori dall’auto per ammanettarlo e arrestarlo. Da quel momento si accendono le luci del parcheggio e la scena diventa più chiara. Il video dell’accaduto è postato su Twitter da Gerald Griggs, avvocato e attivista, vice presidente della National Association for the advancement of colored people di Atlanta. Si vedono tre uomini che lottano a terra. Brooks strappa il taser, la pistola a scossa elettrica, agli agenti, si rialza e scappa.

I poliziotti lo inseguono, ma non riescono a fermarlo. Secondo gli inquirenti il ragazzo si è voltato e ha minacciato con il taser gli inseguitori. Poi si sentono solo diversi colpi di pistola e Brooks crolla a terra. Arriva l’ambulanza ma il giovane non ce la farà.

Atlanta in fiamme nella notte

Proteste spontanee immediate nella citta, mentre i due agenti coinvolti sono stati sospesi. Trentasei persone arrestate finora. Il capo del Dipartimento, Erika Shields, si è dimessa, in un momento così delicato per l’America.

La violenza della polizia non cede

Tra gli eventi che più hanno colpito l’opinione pubblica ormai fuori controllo, c’è stato un breve video che ha ripreso, nei giorni scorsi, l’assalto ingiustificato alla macchina di due studenti di colore, bloccati nel traffico dopo aver partecipato a un sit-in per Floyd. La polizia li ha costretti a scendere, dopo aver sfondato i vetri dei finestrini. Hanno immobilizzato il ragazzo con scariche di Taser e poi lo hanno trascinato a terra, ammanettandolo.

Londra e Parigi sotto assedio

Intanto oltre 100 persone sono state arrestate ieri a Londra, a seguito delle violente proteste di un gruppo di giovani di destra, che ha attaccato la polizia. L’obiettivo della protesta sit-in era proteggere le statue che in queste settimane hanno subito diversi attacchi in tutto il mondo, quando collegate al passato coloniale. L’Italia stessa sta vivendo un profondo conflitto interno rispetto alle effigi che rappresentano il suo passato prestigioso, ma “sporco”. E nella notte, a Milano, la statua di Indro Montanelli – giornalista dal passato fascista, che in Etiopia prese in moglie una ragazzina infibulata, comprandola da padre – è stata pesantemente imbrattata con vernice rossa. La scritta “razzista stupratore” ha completato l’opera.

Contemporaneamente Londra, come moltissime città inglese e nel mondo, ha visto ieri anche una sfilata pacifica di anti-razzisti.

Parigi ricorda i suoi fatti sporchi

A Parigi scontri con la polizia tra attivisti anti-razzisti – circa 15mila radunatisi in Place de la République ieri pomeriggio – e polizia. Le forze dell’ordine hanno usato pistole tear contro i protestanti. I movimenti francesi, sebbene partiti a sostegno di ciò che da settimane accade in Usa, si richiamano al ricordo di Adama Traoré, una giovane ragazza nera che morì sotto custodia della polizia nel 2016.

Per approfondire: “Devono stare a 90 gradi”: ecco il Black Lives Matter di casa nostra Colombo è decapitato, ora tocca a Montanelli Abbattere le statue: giusto o sbagliato?

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Potrebbe interessarti anche

Michela Dell'Amico

Michela Dell'Amico

Giornalista, responsabile sezione Green per People For Planet. Ambiente, femminismo e mobilità i miei temi culto. I commenti sono solo miei

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la Privacy e Cookies Policy