Venezia e Mestre restano un unico Comune

Non ha raggiunto il quorum il quinto referendum per la separazione

L’affluenza complessiva al referendum consultivo è stata del 21,7 per cento, più alta a Venezia che a Mestre. Sullo stesso argomento si era votato già nel 1979, nel 1989 e nel 1994 (in questi il quorum era stato ampiamente raggiunto con la vittoria del No) e nel 2003 con l’affluenza al 39 per cento e il mancato raggiungimento del quorum.

Le città di Venezia e Mestre vennero unite nel 1926 in epoca fascista quasi contemporaneamente alla  nascita del polo Petrolchimico di Porto Marghera.

Allora il rapporto di abitanti tra i due poli era rovesciato rispetto a oggi:  Mestre contava poco più di 30mila abitanti mentre a Venezia risiedevano circa 175mila persone.

Oggi gli abitanti di Venezia sono meno di un terzo di quelli di settant’anni fa, mentre Mestre e le frazioni limitrofe ne contano oltre 180mila e i problemi sono molto diversi tra laguna e terraferma. I favorevoli alla separazione sostengono infatti che due amministrazioni distinte potrebbero affrontare meglio questi problemi e risolverli in modo diverso.

I contrari ritengono invece che la creazione dal nulla di un nuovo Comune andrebbe inutilmente contro le esigenze di praticità e controllo dei costi della spesa pubblica.

Nulla di fatto comunque, Venezia e Mestre rimangono un Comune unico, se ne riparlerà in un sesto referendum?

Leggi anche:
Cosa fare per Venezia
Venezia: il rispetto dell’ambiente e della salute non è di sinistra
Venezia annega sotto il peso del clima, i dati lo confermano

Foto di Serge WOLFGANG da Pixabay

Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.

Gabriella Canova

Gabriella Canova

Fa parte della Redazione. Si occupa dei rapporti con i redattori esterni nonché della stesura di vari articoli relativi alle tematiche del portale.