Vitalizi parlamentari Italia

Vitalizi, bocciato il ricorso sui tagli. Oltre 2 mila ricorsi dagli ex parlamentari

Storia di un privilegio del 1954 nato in una seduta segreta

La Cassazione boccia il ricorso contro i tagli ai vitalizi. Le controversie relative alle “condizioni di attribuzione e alla misura dell’indennità parlamentare” e degli assegni vitalizi per gli ex parlamentari “non possono che essere decise dagli organi dell’autodichia, la cui previsione risponde alla medesima finalità di garantire la particolare autonomia del Parlamento” scrivono le sezioni unite civili della Cassazione, dichiarando inammissibile il ricorso per regolamento preventivo di giurisdizione presentato dal professor Paolo Armaroli, il quale – dopo avere impugnato davanti al Consiglio di Giurisdizione della Camera la delibera del luglio scorso dell’ufficio di presidenza di Montecitorio, per effetto della quale il suo vitalizio da ex parlamentare era stato decurtato del 44,41% – chiedeva che fosse dichiarata la sussistenza della giurisdizione del giudice ordinario o, in subordine, di quello amministrativo. 


L’ordinanza depositata oggi, mette un punto fermo alla questione decidendo in sostanza per la legittimità dei tagli: la Suprema Corte ha bocciato il ricorso sottolineando che è “da escludere che in questa sede vi sia spazio per l’esame di una qualsiasi censura riguardante la misura e l’attribuzione degli assegni vitalizi degli ex parlamentariContinua a leggere (Fonte: “La Cassazione boccia il ricorso contro i tagli ai vitalizi dei parlamentari” REPUBBLICA.IT)

Dalla stampa nazionale:

  • TAGLIO VITALIZI, DAL PRIMO GENNAIO APPLICATA LA RIFORMA VOLUTA DA ROBERTO FICO. Voluto dal Presidente della Camera Roberto Fico, è partito il taglio ai vitalizi dei parlamentari

Dal primo gennaio è ufficialmente applicata la “riforma” di Roberto Fico che prevede per gli ex parlamentari l’istituzione di due tetti, uno minimo fissato a 980 euro, uno massimo di importo pari a 1.470 euro. Il taglio dei vitalizi riguarderà ben 1.338 ex parlamentari, che subiranno il ricalcolo dell’assegno mediante il sistema contributivo, subendo un taglio all’importo mensile tra il 40 e 60 per cento.

Il Presidente della Camera dei Deputati, con un post su Facebook, ha così commentato questo momento: “Da ieri è ufficialmente applicata ai cedolini degli ex parlamentari la delibera che supera i vitalizi! Il provvedimento è entrato in vigore subito dopo la sua approvazione ma diventa efficace proprio dall’inizio dell’anno. Grazie a questo atto la Camera dei deputati risparmierà 44 milioni di euro all’anno. Un risparmio di circa 130 milioni di euro per il prossimo triennio, che comunque non è l’unico.”(Fonte: QUIFINANZA.IT)

  • VITALIZI, A CHI VENGONO TAGLIATI E QUANTO. I vitalizi a 1.338 ex deputati e 1.300 ex senatori subiranno una diminuzione che va dal 40 al 60% fino all’80%. Gli ultra ottantenni sono 240

Il vicepremier Luigi Di Maio saluta con gioia la decisione della Cassazione, che oggi ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato contro il taglio ai vitalizi dei parlamentari, sottolineando un risparmio di 280 milioni.

Ma quanti sono i vitalizi erogati agli ex parlamentari? In tutto circa 2.700, per un importo totale di circa 200 milioni di euro. Sommando la cifra relativa alla Camera con quella del Senato si ottiene un risparmio di circa 56 milioni all’anno, e cioè circa 280 milioni a legislatura. 
La ‘sforbiciata’ voluta dai 5 stelle – con il via libera della Camera nel luglio del 2018 e del Senato lo scorso ottobre –  ha superato dunque lo scoglio della Cassazione. 

Restano in piedi, tuttavia, gli oltre 2 mila ricorsi presentati alle Camere dagli ex parlamentari, alcuni dei quali sono stati già accolti: si tratta però di casi ‘particolari’, sospensive del taglio sulla base dello stato di salute dell’ex parlamentare o del coniuge. Sono 1.405 i vitalizi erogati da Montecitorio, tuttavia il taglio approvato dall’Ufficio di presidenza lo scorso luglio riguarda una platea di 1.338 ex deputati. Secondo le stime fatte dal presidente Roberto Fico, ammonta a circa 40 milioni l’anno il risparmio per le casse della Camera, una cifra che si aggira intorno ai 200 milioni per l’intera legislatura. Il taglio ha avuto effetto a partire dal 1 gennaio del 2019.
Sono però consentite riduzioni del taglio dell’assegno percepito in specifici casi di particolare difficoltà sociale ed economica. Gli assegni finora erogati saranno ricalcolati secondo il metodo contributivo e, quindi, subiranno una diminuzione che va dal 40 al 60% fino all’80% dell’importo oggi percepito. Continua a leggere (Fonte: QUOTIDIANO.NET)

  • VITALIZI, QUEL PRIVILEGIO DEL 1954 NATO IN UNA SEDUTA SEGRETA E CRITICATO SOLO DAL 24 ORE

I vitalizi ai parlamentari sono frutto di una seduta segreta del 21 dicembre 1954, presenti i parlamentari di tutti gli schieramenti. Nella seduta segreta venne istituito un fondo di previdenza per gli onorevoli vitalizi dei deputati da 425 milioni. Solo un deputato, Giuseppe Veronesi, criticò la procedura segreta e si dimise: «La povera gente – scrisse in una lettera – ha bisogno di buone leggi e buoni esempi». Ma alla Camera non ci fu nessun dissenso sulla misura. I parlamentari si limitarono a respingere le dimissioni del parlamentare.

L’editoriale del 24 Ore unica nota critica 
Eppure il costo dell’operazione era di 98 milioni di lire l’anno. Gli onorevoli versavano al fondo pensioni 9mila lire al mese, mentre la Camera versava 12.500 lire al mese per ciascuno. Al deputato a 55 anni con due legislature o 60 anni con una legislatura spettava un vitalizio di 50mila lire al mese. Ogni anno di mandato in più il vitalizio aumentava di 5mila lire, fino a un massimo di 150mila lire al mese. Ai deputati non rieletti con meno di 5 anni di attività, spettava una buonuscita di 600mila lire. Solo un editoriale del quotidiano economico 24 Ore, antesignano del Sole 24 Ore, criticò la misura ed evidenziò la spesa in deficit.

Il raddoppio del periodo minimo di mandato 
Dopo la scoperta di vitalizi pagati per pochi giorni di legislatura si dovrà arrivare al 2007 per vedere raddoppiare il periodo minimo di mandato per l’assegno: 4 anni, 6 mesi e 1 giorno. Continua a leggere (Fonte: ILSOLE24ORE.COM di Nicoletta Cottone)

Claudia Faverio

Claudia Faverio

Appassionata di ambiente e dei diritti umani da sempre. Fa parte della redazione dove segue l'attualità quotidiana e il meglio del web. Si occupa anche dei rapporti con siti, blog, enti e imprese per la comunicazione di e su People For Planet.

Claudia Faverio

Claudia Faverio

Appassionata di ambiente e dei diritti umani da sempre. Fa parte della redazione dove segue l'attualità quotidiana e il meglio del web. Si occupa anche dei rapporti con siti, blog, enti e imprese per la comunicazione di e su People For Planet.